ELOGIO ALL’INVERNO (o come fartelo piacere)

Siamo nel cuore dell’inverno.

È la mia stagione preferita: amo il freddo, l’aria gelida che taglia la faccia, il buio che arriva presto e i maglioni pesanti e i calzettoni.

So di essere impopolare, eh!

Credo, in modo più inconscio, di amare l’inverno perché è la stagione nella quale mi prendo più cura di me.

È come in natura, del resto: tutto sembra fermarsi, gli alberi si spogliano e gli animali cadono in letargo, ma in realtà si stanno solo preparando per affrontare al meglio una nuova primavera, una nuova rinascita.

Per me, quindi, è la stagione delle coccole, dei momenti dedicati esclusivamente a me stessa, del ritmo lento, del silenzio e della riflessione.

In linea generale, se ci pensi bene, l’inverno è la stagione del comfort food, delle maratone in televisione, delle tisane calde (o delle cioccolate 😉), degli hobbies che richiedono calma e pazienza (penso alla maglia, al disegno, alla calligrafia…)

In questo inverno, sto raggiungendo livelli epici di lentezza ed è davvero una sensazione rigenerante, che non assaporavo da troppo tempo.

Non so se per osmosi, per imitazione o perché fosse davvero un bisogno di ogni membro della mia famiglia, ma quest’anno il trend della cura di sé e dei ritmi pacati ha contagiato proprio tutti.

Non grandi cose, in realtà e, probabilmente proprio perché siamo tornati alla semplicità, tutto questo ha avuto un enorme impatto emotivo.

Io e mio marito abbiamo riscoperto i giochi in scatola, grazie a dei regali per mio figlio, siamo stati svegli per terminare dei puzzle, ci siamo infilati grembiulini improbabili per dilettarci insieme a sperimentare nuove ricette. Babbo Natale ha portato a Edo i suoi primi Lego da “grande”, che ci hanno permesso di poter allestire una vera proprio catena di montaggio, tra chi leggeva, chi passava i pezzi e chi li assemblava.

Abbiamo scelto di non farci regali materiali, dato che non abbiamo bisogno di niente in particolar (evitare di accumulare oggetti inutili è buona cosa tutta l’anno), ma abbiamo investito in mostre d’arte, cinema, un Capodanno in un parco giochi e in un tappeto nuovo, dove poter giocare scalzi e fare le capriole (sì, lo spettacolo è abbastanza imbarazzante, lo ammetto!)

Non ho letto libri mentre mio figlio guardava i suoi DVD, ma ho riso con lui per ogni scena (anche dopo averla vista per la decima volta)

Insomma, ho vissuto TEMPO DI QUALITA’.

Non ho smesso di lavorare, ma ho rallentato. Ho deciso di seguire il ritmo lento delle stagioni.

Perché ti ho asciugata raccontandoti i fatti miei?

Perché parlo di mettere sempre la persona al centro di tutto, perché dico sempre che ci meritiamo il bello.

E poi, perché sono fermamente convinta che dobbiamo imparare a volerci (più) bene.

Abbiamo bisogno (anche) di lentezza, per assaporare meglio il viaggio.

Abbiamo bisogno (anche) di pause, per ricaricare le batterie.

Abbiamo bisogno (anche) di coccolarci e di farci coccolare, per diventare più belle.

Prima di un raccolto rigoglioso, c’è l’aratura, la semina e la cura.

Tutte queste cose ce le insegna la Natura.

 

 

Annunci

…SI RIPARTE!!

Finiti anche gli ultimi avanzi del pranzo di Natale, archiviati brindisi e baci sotto il vischio, intascata e/o già spesa la 100.000 della nonna (semi-cit.), si torna al lavoro, a scuola, alla quotidianità, che ti piaccia o meno.
Si riparte più carichi e con tanti nuovi progetti per l’anno nuovo.
E poi, ancora, con la “parola dell’anno”, quella che sarà il motore che ti porterà alla realizzazione dei progetti.

Continua a leggere “…SI RIPARTE!!”

A TE E FAMIGLIA

E che, vuoi che non lo sappia?

Pensi che io qui sia messa meglio?

E’ la Viglia di Natale, siamo tutte indaffarate coi preparativi…

(Qui il cenone non si usa, siamo una famiglia di polentoni, ma domani giornata impegnativa!!)

Quindi, non ti trattengo ulteriormente.

Ci tenevo però ad augurarti una giornata Speciale, attorniata da tutti ciò e da tutto ciò che ti rende felice.

Buon Natale,

Marika

 

 

MI PRENDO UNA PAUSA

Sono la ragazza (dai, fammelo credere) dalla programmazione lunga.

Questa settimana, però, non ce l’ho fatta ad arrivare puntuale con un post più o meno interessante.

Eh! Non ce l’ho fatta.

Sono arrivata alla fine dell’anno con tanti progetti nuovi da seguire, non erano previsti e mi hanno succhiato parecchie energie.

Il tempo per scrivere un piccolo post, in realtà, ce l’avrei anche avuto, ma non avevo la testa sufficientemente libera e “leggera” per farlo in maniera degna della tua attenzione.

Mi sono accorta di essere un po’ troppo stanca, questo è.

E allora ho preso una decisione: prenderò una pausa.

Ho bisogno di ricaricare le pile, di stare con mio figlio e con mio marito dedicando loro il tempo esclusivo che si meritano, di fare una passeggiata e di dormire qualche ora in più.

So che mi capisci (magari, durante questa pausa, ti mancherò anche un pochino…)

Il blog, le mie storie e la mia voglia di raccontare torneranno super sprintosi il 7 gennaio…

(la Vigilia di Natale, però, passa di qua 😉 )

Buone feste!!

“4 SETTIMANE PER RIORDINARE LA TUA CASA E LA TUA VITA” di A. Eulalie -Il libro del mese-

La fine dell’anno si avvicina e con esso finisce l’apatia da abbuffate delle feste, le giornate in pigiama e i piatti “buoni” tornano nelle credenze fino a data da destinarsi (…questa preferirei non averla scritta)
Arriva il periodo dei buoni propositi, insomma.
Bah, io ho tutta la mia teoria riguardo a questa cosa (ci risentiamo col post del 31 dicembre), ma seguo l’onda del momento per raccontarti di questo libro. Continua a leggere ““4 SETTIMANE PER RIORDINARE LA TUA CASA E LA TUA VITA” di A. Eulalie -Il libro del mese-“

TRASLOCO E PROFESSIONAL ORGANIZING

Quando racconto di quello che faccio e, soprattutto, di come lo faccio, uso sempre un’immagine che, a mio avviso, è molto evocativa di come lavoro.

Quando entro in contatto con te e quando vengo a casa tua per un intervento compio, sostanzialmente, 2 gesti: per prima cosa BUSSO ALLA PORTA, un modo per dire ”Sono qui, sta a te farmi entrare”. La decisione, del resto, è sempre tua.

Il secondo gesto, una volta che hai deciso di aprirmi e di farmi entrare, è quello di PULIRMI I PIEDI, ovvero: ho rispetto della tua casa, dei tuoi spazi e delle tue cose.

Per me è così. Sempre. Continua a leggere “TRASLOCO E PROFESSIONAL ORGANIZING”

ISPIRAZIONE (e dove trovarla)

Qualche settimana fa sono stata ospite nella radio della mia città (CiaoComo Radio), nella trasmissione Conversescion (sì, scritto proprio come si legge). È un programma leggero, una chiacchierata tra conduttore e ospite: un format molto semplice e conviviale, che consente a chi è intervistato di parlare di sé, senza farsi prendere da ansie da prestazione o panico da diretta.

Continua a leggere “ISPIRAZIONE (e dove trovarla)”

“FACCIAMO ORDINE” di S. Toscani- Il libro del mese-

Quello di questo mese è un libro speciale, non solo perché scritto nel 2015 da Sabrina Toscani, presidente e fondatrice di APOI (Associazione Professional Organizers Italia), ma anche perché è stato il primo libro che ho letto che ha saputo darmi delle risposte e delle tecniche concrete, insegnandomi dei concetti di cui ho fatto tesoro, che mi hanno fatto crescere professionalmente.

Continua a leggere ““FACCIAMO ORDINE” di S. Toscani- Il libro del mese-“

#eventoAPOI2018

Bologna la Dotta, sabato 27 ottobre, si è riempita di ulteriore bellezza: più di 50 Professional Organizers si sono riuniti al Sympò, per quello che è stato il 5° Evento Nazionale di APOI (Associazione Italiana Professional Organizers).

APOI compie 5 anni, inizia a crescere, sia come Associazione sia come numero di membri, e noi eravamo lì per festeggiare, facendolo a modo nostro: raccontando quello che ci accomuna, che ci appassiona e in cui crediamo profondamente: l’ORGANIZZAZIONE. Continua a leggere “#eventoAPOI2018”